SOCIAL
In  Generico

Un abito può davvero fare la differenza?

By andreanabono | Commenti:0 | 23/06/2021

Sappiamo bene che un abito, un accessorio possano modificare l’umore, possano cambiare il corso degli eventi, possano influenzare giudizi importanti ma a volte l’abito può cambiare la vita di una persona veramente.
Vi racconterò una storia vera, di una ragazza, o meglio di una donna che nel mondo viaggiava da sola per lavoro ed incontrava molte persone diverse e con loro ogni volta si rapportava in maniera differente ma incontrava tutti con una sua costante intrinseca con la dolcezza del suo sorriso e la fierezza nei suoi occhi.
Vi parlo di lei perché leggendo questa storia molti troveranno delle note in comune, e molti, forse un giorno prenderanno spunto da lei per affrontare difficoltà e per superarle sempre a testa alta e con l’abito giusto, che fa sempre la differenza.

Lei credeva molto in se stessa e nelle sue capacità, lavorava tanto ma a volte mancava qualcosa per arrivare al risultato, le mancava quel particolare per fare davvero la differenza, immaginatevi un bellissimo quadro ma con la cornice mancante o addirittura sbagliata.
Era alla ricerca di se stessa nel mondo, ed in ogni parte trovava una parte di se, in ogni incontro conosceva sfumature del suo carattere, indossava sempre abiti comuni, non dava cosi peso all’abbigliamento, non credeva nell’etica di nessun brand.

Un giorno fece un incontro importante che la rese ancora più ambiziosa  e le diede una nuova visione del mondo…incontrò una anziana donna di Parigi, che le disse che esisteva una chiave universale che poteva aprire ogni porta e far sentire ogni donna una regina…quella chiave sarebbe stata la moda,
L’abito giusto rende superabile ogni ostacolo e rende ancora più consapevoli delle proprie peculiarità.
Da quel giorno la donna che prestava poco caso a quello che indossava inizia a girare il mondo con occhi nuovi, inizia a cercare brand che davvero abbiano la sua identica visione di rispetto e la stessa etica.

Parigi, Londra, New York, Amsterdam, viaggia e vede tra una chiusura e l’altra causa pandemia i negozi più belli del mondo, gli abiti più preziosi ma non trovava la sua vera identità fin quando in Italia s’innamora della filosofia di un giovane brand nato nell’anno più difficile ma che indossando i suoi capi riusciva a sentire il profumo della libertà e della sicurezza di poter essere donna.
Nel brand trova quella briciola di coraggio che le mancava per affrontare ogni sfida, trova abiti dal sapore cosmopolita e che hanno la missione di creare un mondo nuovo rispettoso e grato.

La sua vita, messa alla prova costantemente con difficoltà quotidiane da donna lavoratrice e viaggiatrice, dopo l’incontro ha un nuovo sapore fin quando una cena di lavoro la metterà nuovamente a dura prova…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenti recenti

    Categorie